Donky/sciotte

Donky/sciotte


don

P’iove sugli apostrofi, sui pens’ieri a c’aso,
piovono 3 apocrife frasi con virgole a iosa:
nessuna manticora, ora, nessun unicorno,
poche catastrofi in questa mia vita quadra
ma parentesi tonde e ippogrifi ridens rosa.

(Stornello asinino per voce sola e mulini a stento)

Ancora un foodbook con poesiola

Ancora un foodbook con poesiola


20180121_204503

“Desidero partire: non verso le Indie impossibili o verso le grandi isole a Sud di tutto, ma verso un luogo qualsiasi, villaggio o eremo, che possegga la virtù di non essere questo luogo”
(F. Pessoa, “Il libro dell’inquietudine”)

PER SOLA ANDATA

Partire è un po’ sparire,
sparire è un po’ poetare.
Partire è un po’ capire,
venirsi al dunque ovunque.

Spostarsi per spaesarsi:
muoversi verso qualcosa
che sa di qualcuno, a caso,
cercare un caos senza case.

Non aspettarsi niente pur di aspettarsi fuori,
andare fino alla fine incontro a un confine:
cominciare a lenire,
iniziare a sentire.

Spandersi per ricercarsi,
tendere all’aoristo:
trovare un verso alle parole,
dischiuderle in un verso tristo.

Elezioni politiche: generatore automatico di post per candidati (un frullatore di retorica)

Elezioni politiche: generatore automatico di post per candidati (un frullatore di retorica)


"Diogene" di Sinope, il Cinico - 1860, Jean-Léon Gérôme

“Diogene” di Sinope, il Cinico – 1860, Jean-Léon Gérôme

Nel pieno delle mie facoltà sentimentali, morali e ormonali:
per la democrazia tutta e il lavoro full, per le gengive sane
e l’abolizione delle mezze pensioni e stagioni, per fermare
il declino e aumentare il brodino e allungare il pantaloncino
che l’outfit del risvoltino vuole appena sopra il caviglino…

per la tutela delle minoranze maggioritarie, per i diritti civili
e i rovesci convergenti o gli universi paralleli, contro l’olio
di palma e il buco nell’ozono e la rava e la fava vi comunico
che ho dato ampia e blanderrima disponibilità a candidarmi
perché perseguo il bene vostro e guardo al futuro del paese…

se il partito me lo chiede (l’ho chiesto io, rispondendomi ok)
è un grande onore poter offrire un contributo disinteressato:
lo faccio con spirito istituzionale di servizio e di sacrificio
rionale tout court sapendo che a vincere è sempre la squadra
e che gli spiccioli saranno devoluti ai poveri di spirito della UE…

e comunque se va male mi va di lusso lo stesso perché resto
una risorsa attiva per un nuovo percorso comune condiviso
sul territorio da qui alla luna, fino al prossimo giro di giostra
o posto che si liberi nei corridoi intestini o interstizi fratricidi
di questa bella Politika con la P maiuscola e la k minuscola.

Sono sempre i libri a sceglierci

Sono sempre i libri a sceglierci


20180114_023226

«Ci sono libri che si posseggono da vent’anni senza leggerli, che si tengono sempre vicini, che uno si porta con sé di città in città, di paese in paese, imballati con cura, anche se abbiamo pochissimo posto, e forse li sfogliamo al momento di toglierli dal baule; tuttavia ci guardiamo bene dal leggerne per intero anche una sola frase. Poi, dopo vent’anni, viene un momento in cui d’improvviso quasi per una fortissima coercizione, non si può fare a meno di leggere uno di questi libri d’un fiato, da capo a fondo: è come una rivelazione. Ora sappiamo perché lo abbiamo trattato con tante cerimonie. Doveva stare a lungo vicino a noi; doveva viaggiare; doveva occupare posto; doveva essere un peso; e adesso ha raggiunto lo scopo del suo viaggio, adesso si svela, adesso illumina i vent’anni trascorsi in cui è vissuto, muto, con noi. Non potrebbe dire tanto se per tutto quel tempo non fosse rimasto muto, e solo un idiota si azzarderebbe a credere che dentro ci siano state sempre le medesime cose.» (Elias Canetti, 1905-1994)

* Nella foto sopra, tre edizioni originali fuori commercio (anni 1985,1987,1986) #CAPlibrary

11 GENNAIO, A MILANO NEGLI STUDI DI SKY

11 GENNAIO, A MILANO (ROGOREDO) NEGLI STUDI DI SKY CON GIORGIA

I Big Data? Una grande presa per il cloud

I Big Data? Una grande presa per il cloud


big

Tema + 20 variazioni

13 dicembre 2017 al circolo tennis di Albinea, apericena aziendale con karaoke finale

13 dicembre 2017 al circolo tennis di Albinea, apericena aziendale con karaoke finale: Franz e CAP cantano la mitica “samba della rosa”

Big dating = dati utili a chi flirta molto tra l’analogico e il digitale

Data mining = dati diffusi tramite incontinenza notturna
Data mentoring = dati affetti da prognatismo informatico
Data ring = dati che quadrano contesi a suon di sberle

Big Data = dati superdotati prediletti da esperte superdatate
Bip Data = dati censurabili o irriferibili ai più
Bic Data = dati a sfera low cost usati come cerbottane a scuola
Bif Data = dati ghiacciati ai gusti fruttati
Biz Data = dati che fanno guadagnare
Bim Data = dati prima del Bum e del Bam
Bis Data = dati replicabili a furor di pubblico
Bir Data = dati cui manca la consonante finale per volare alto
Bid Data = dati ceduti al miglior offerente (dal verbo to bid)
Bib Data = dati a rischio rigurgito somministrati in tenera età
Bit Data = dati capelloni molto in voga negli anni Sessanta
Bin Data = dati usati per localizzare i compound di noti terroristi
BenData = dati sensibili con 50 sfumature di grigiore muliebre

Bug Data = dati violati da hacker
Bag Data = dati indossati a tracolla
Beg Data = dati elemosinati in giro (dal verbo to beg)
Bog Data = dati paludati (in inglese)

codex 2

Ore 07.07, giorno 07, inedito di 9+9 versi

Ore 07.07, giorno 07, inedito di 9+9 versi


dechi

Si torna prima o poi
sul luogo del diletto
(nel rosa del rimorso
si scava con deliquio
– sul rogo dell’affetto),
si sconta tutto quanto
nel sugo del delitto,
si contano le perdite
e spesso per difetto:

e ci si torna da eroi
al centro del dispetto
(ci si scorna come noi
sino al cuore del quesito
– lo dico con rispetto),
nel sempre del discorso
sino al dorso della lama,
dove il guaio più squisito
rivive per eccesso.

Immagine: “Il ritorno di Ulisse”, 1968, Giorgio de Chirico

20171213_231735
FESTA AZIENDALE AD ALBINEA, SI CANTA “VATTENE AMORE” DI MINGHI-MIETTA

Oggi presentazione alla biblio Panizzi del libro “Dove va il calcio italiano?” con lo storico della filosofia Pagnini da Firenze

Oggi presentazione alla biblio Panizzi del libro “Dove va il calcio italiano?” con lo storico della filosofia Pagnini da Firenze


present. alla Panizzi con Pagnini e Piccinini

Nella notte dalla disco tornano
i ragazzi in festa e nel forno
di paese alla cassa c’è la ressa,
sembra giorno: cercano gli amici
in fila mentre pago, si chiamano 
per nome, sciamano felici in un sabato
a far tardi tra una pasta e una pizzetta
con lo sguardo ballerino ubriacato
dai bei culi prima in pista e ora in testa
qui all’incrocio che dà sulla piazzetta.

NATALE IN MONTAGNA

BONSAI GUITAR IL 25/12 IN MONTAGNA

E io che quando bevo li capisco
ci rinasco per un niente nello scoppio
inubicato di quegli anni – ora che tutto
dal ritiro che mi è caro si fa stretto
o fuori posto (giù a ritroso, sulle spine,
chiodi ai muri) nell’andazzo di una vita
che non sfama più il suo scopo ma si svita
in differita col suo opposto: oppio puro
che si fuma dallo scorno di una fuga
nullescente nello smazzo dell’età.

E nel rimugino del tasto ci ricasco
a muso duro come un fallo ventunenne
fuoriuscente dalla tasca, basta un attimo
alla falla per riaprirsi nello smacco
del balugino del tempo: è lo spacco
senza toppe di avversioni capitali,
è il brindare divertito alla loro condizione
e punto i piedi – io che a casa non ci torno
miro ai ponti d’occasione lungo i pianti
sparsi a caso nell’invano della giostra…

…nei rigiri sul divano verso altre colazioni.

Immagine: Edward Hopper, “Early Sunday Morning” (domenica mattina presto), 1930

hopper